banner
Centro notizie
Rimarrai stupito dai nostri prezzi convenienti e dalla qualità superiore.

I soldati ucraini riconoscono le sfide più difficili mentre cercano di spingersi verso sud

Jul 07, 2023

Anche se le forze ucraine hanno sfondato la prima linea di difesa russa su parte del fronte meridionale, i soldati che hanno preso parte alla controffensiva hanno rivelato quanto sia difficile ottenere qualcosa di più che guadagni incrementali di fronte a fortificazioni complesse e a più livelli.

Le unità ucraine affermano di aver preso il villaggio di Robotyne nella regione di Zaporizhzhia e si stanno muovendo verso molti altri nel tentativo di portare il centro strategico di Tokmak nel raggio d'azione dell'artiglieria.

Un soldato, uno specialista delle comunicazioni di nome Oleksandr Solonko, ha scritto in dettaglio sulle sfide legate al progresso nell’area, e il suo resoconto è supportato da altri.

Innanzitutto, dice, la topografia è importante: campi, villaggi, terreni relativamente pianeggianti.

“Chiunque tu sia, un gruppo d’assalto… una missione di evacuazione, una ricognizione aerea o terrestre, il tuo movimento è visibile da lontano. Il nemico si prepara ad incontrarvi da molto tempo", ha scritto Solonko su X, la piattaforma precedentemente nota come Twitter.

“Esiste un numero limitato di strade di accesso e percorsi logistici. Tutto è stato colpito e bombardato ripetutamente ogni giorno. Quasi sicuramente verrai notato. È praticamente impossibile svolgere il lavoro rimanendo completamente invisibili al nemico”.

E Solonko dice che le fortificazioni russe sono elaborate.

“C’è un intero sistema di trincee, rifugi, veri e propri tunnel in alcuni punti… lanciagranate automatici, mitragliatrici, sistemi missilistici anticarro. Fossati anticarro e campi minati si estendono attraverso i campi”, ha scritto. “Ciò che non viene dissotterrato viene estratto. Dobbiamo affrontare tutto questo per andare avanti”.

Le forze ucraine sembrano allargare la breccia nelle difese russe sul fronte meridionale

Nelle ultime settimane, diversi resoconti hanno raccontato di genieri ucraini che stavano facendo lenti progressi mentre cercavano di rimuovere un’ampia varietà di mine, alcune innescate da fili elettrici, che vengono intensamente posizionati come prima linea di difesa dai russi. Non è chiaro se i campi minati siano così fitti nelle profondità delle linee russe, dove potrebbero interferire con la capacità di manovra delle forze russe.

“Coloro che hanno gli occhi molto rosei e credono che le forze armate ucraine abbiano impiegato molto tempo per cacciare i russi dal villaggio di Robotyne, non hanno visto il sistema di difese che è stato necessario superare per allontanare i russi dall’autostrada di Mariupol e avvicinarsi il villaggio, circondarlo e poi entrare. È stata fatta un’enorme quantità di lavoro”, ha scritto Solonko.

“Le nostre posizioni sul territorio riconquistato sono circondate da mine e fili elettrici. Si stanno costruendo vie d’ingresso, i genieri stanno gradualmente bonificando il territorio”, ha aggiunto.

Venerdì un ufficiale ucraino con un’unità di prima linea ha detto alla CNN che il terreno aperto rappresentava una sfida.

“I droni sono sospesi nel cielo 24 ore su 24, sia i nostri che i loro. Quindi è impossibile nascondere qualsiasi movimento di attrezzature, qualsiasi manovra diventa immediatamente nota al nemico e i bombardamenti iniziano sia con l’artiglieria che con i droni”, ha detto.

L’ufficiale ha detto che a differenza di Bakhmut, una città orientale catturata dai russi a maggio dopo mesi di estenuanti combattimenti, non c’erano scantinati in cui rifugiarsi. “Qui ci sono solo campi aperti e piantagioni forestali bombardate, di cui non è rimasto praticamente nulla”.

Gli analisti dicono che ci sono difese profondamente radicate più avanti. Le immagini satellitari del villaggio di Solodka Balka, sette chilometri a sud di Robotyne, mostrano trincee di comunicazione rinforzate in acciaio, ricoveri per veicoli e denti di drago volti a ostacolare l'armatura ucraina.

L’analista dell’OSINT Emil Kastehelmi osserva che “i russi hanno costruito trincee di comunicazione lunghe 100-350 metri, che li aiutano sia a rinforzarsi che a ritirarsi dalle posizioni di combattimento”.

"Vengono costruite pesanti fortificazioni per bloccare qualsiasi potenziale avanzata sulla strada principale verso Tokmak", ha detto domenica Kastehelmi in un post su X.